biblioteche di RomaComune di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione
I sindaci capitolini

Roma attraverso i sindaci presenti nell'archivio Luce: la rassegna dei primi cittadini prende il via da Filippo Cremonesi, governatore dal 1922 fino al 1926, anno in cui divenne presidente dell'Istituto Luce e termina con Franco Carraro, sindaco dal 1989 al 1993, ritratto nella banca dati anche come spericolato atleta di sci d'acqua in gara a Lugano.
Una curiosità: la personalità che ha ricoperto l'incarico di sindaco ed ha il maggior numero di presenze nella banca dati, è, al momento,  Giuseppe Bottai (588 occorrenze).

Urbano Cioccetti (1958-1961)
(26.11.1905 - 09.05.1978) avvocato e politico; fu vicepresidente dell'Azione Cattolica; presidente dell'O.N.M.I.; sindaco democristiano di Roma dal 1958 al 1961; eletto con i voti della destra, rimase famoso per essersi rifiutato, nel 1959, di celebrare l'anniversario della liberazione di Roma dai nazifascisti, provocando reazioni di protesta di tutta l'opposizione capitolina, dal PCI al PSI, dai Radicali al PSDI; nel corso del suo mandato fu approvato il nuovo piano regolatore, che entrò in vigore nel 1966 e furono avviate diverse opere infrastrutturali; in seguito fu presidente dell'Enpdep e presidente dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù; morì colto da malore mentre la televisione tresmetteva la notizia dell'uccisione del presidente della DC Aldo Moro