biblioteche di RomaComune di Roma - Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione
La cittā raccontata
Dalla Roma dei mestieri minori raccontata da Maselli - le fioraie ambulanti o gli "stracciaroli" - a quella degli spazzini, illustrata dalle poetiche immagini di Antonioni. C'č la giornata di chi vive "fuori le mura". E poi vagabondi, parcheggiatori, cantastorie che raccontano "un dopoguerra che č ancora cronaca; e spesso cronaca nera". C'č la giornata di solitudine dei soldati di leva: operai , contadini, del sud, del nord, cercano di prendere confidenza con la cittā. Il racconto č di Zurlini. C'č la giornata dell'ebreo romano che torna dall'America e cerca qualcosa di familiare nel ghetto di Roma: č nei cortili delle vecchie case che "il quartiere continua la sua antica vita in comune". Saluta il "vecchio Piperno", il "re dei carciofi alla giudia", sopravvissuto miracolosamente alle persecuzioni naziste. C'č la Roma dei bambini e dei ragazzi, raccontata da di Mario Verdone.